• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

LA MAGIA DI BALLO!

E-mail Stampa PDF

Ballo! Santu Paulu delle Tarante, IX edizione, il progetto artistico di Ambrogio Sparagna, andato in scena il primo luglio scorso, nella cavea dell’Auditorium di Roma, ha confermato la sua forza  e il suo potere di coinvolgimento portando in scena l'Italia delle tradizioni e della devozione popolare, dalla Puglia alla Sicilia,  attraverso le danze, coreografate da Francesca Trenta, i suoni e le voci dell' Orchestra Popolare e del Coro dirette da Anna Rita Colaianni. Sul palco oltre trecento artisti, danza libera e teatro danza per arrivare al cuore....

di Ester Ippolito

 

 

Rosso. Accanto al bianco, al nero e al giallo, il rosso è stato  il colore dominante della  IX  edizione di Ballo! Santu Paulu delle Tarante, andata in scena il primo luglio scorso, nella cavea dell’Auditorium di Roma, un appuntamento ormai consolidato e atteso.  Un progetto artistico del maestro Ambrogio Sparagna, realizzato  con la collaborazione di Francesca Trenta, etnocoreologa e insegnante di danze popolari, che come sempre ha coordinato tutti i danzatori (oltre 100) e curato le coreografie, e con la partecipazione dell’Orchestra Popolare dell’Auditorium e del Coro di Anna Rita Colajanni ( Ballareviaggiando.it web partner dell'evento). La performance è stata  preceduta da un momento di danza in libertà all’esterno della cavea,  una "festa a ballu" spontanea  per tutti con musica dal vivo tra tarantella, tamurriata e pizzica per scaldare i piedi e il cuore....

 

Con balli ricchi di gioia e allegria,  sul palco ha preso il via un viaggio colorato attraverso “quella parte di Italia che mi piace di più- come ha sottolineato il maestro Sparagna l’Italia della danza popolare, delle tradizioni ,l’Italia più antica. La danza, la musica, il canto ci portano a stare insieme, a fare comunità e questo ci aiuta a liberarci dalla solitudine e dalla malinconia”.


Proprio come anni fa la musica aiutava tante donne sofferenti a liberarsi dal dolore e dalla depressione mentre si rivolgevano a  San Paolo, protettore delle tarantate (29 giugno) -  Ballo! 2016, con arte ed equilibrio, ha messo in scena uno stretto legame tra la gioia della danza e la forza del rito devozionale, al centro delle feste popolari più belle e  suggestive.  E l'attenzione  quest’anno è andata da Santu Paulu di Galatina  alla Sicilia “ altra terra ricca di una cultura spesso poco conosciuta , culla di musica e poesia- ancora Sparagna. E l'eco della Sicilia è stato  portato dai rappresentanti del gruppo Cantustrittu ( Nino, Antonino, Daniele e Santino Merrino), suoni antichi e nuovi della Sicilia, e dal gruppo di danza  popolare Cuppiedidifora.

 

Come  ci ha spiegato  Francesca Trenta – “ attraverso esibizioni di danza libera , tra pizziche e tarantelle, e momenti intensi di teatro danza, abbiamo posto l ’accento sul senso della vita, raffigurando in diversi quadri i sentimenti dell’umanità e i vari momenti della vita, dalla nascita, con il dondolio della culla e due danzatrici in attesa, alla giovinezza fino alla vecchiaia, perchè   ogni età esprime una energia diversa come ritroviamo nella nostra ricerca della tradizione orale. Ed è questo che dà un senso al nostro ballo sul palco. Torna al centro la figura della donna, con la testa coperta con i fazzoletti con i colori delle tarante, sofferenti, indebolite, ma che sanno poi ritrovare la rinascita laddove i fazzoletti si trasformano in lacci d’amore con movimenti arabescati. E c’è anche  attenzione all’uomo, che ha le sue sofferenze, e forse meno ascoltato, rischia di dare risposte violente”.


Quello che vediamo sul palco, l’armonia e la passione dei danzatori- ha sottolineato ancora Trenta- è frutto dei nostri laboratori di preparazione allo spettacolo, di anno in anno più numerosi e intensivi, che accolgono appassionati e scuole diverse di danza popolare, dando valore  massimo alla didattica e alla formazione. Quest’anno i partecipanti sono stati oltre 130, la maggior parte repetear quindi affezionati e fedeli, più qualche new entry  che si è appassionata al progetto".


In un perfetto equilibrio tra la parte musicale e cantata, grazie a voci come quelle di Eleonora Bordonaro, Patrizio Trampetti, ospite  speciale, tra gli interpreti della Nuova Compagnia di Musica popolare che ha esordito con una speldida Tarantella del Gargano, della tamburellista Valentina Ferraiuolo, di Raffaello Simeoni che non si smentisce mai, più il duetto al ritmo di Saltarello tra il maestro Sparagna e Clara Graziano,  si sono alternati momenti particolarmente alti di danza e spettacolo come La Pizzica di San Vito intepretata con energia da Andrea De Siena, Fabrizio Nigro, Alfio  Longo, Stefano Campagna, Gabriele Di Vita, Carlo Pisanò, infiammando letteralmente il pubblico.

 

Poi i duetti tra Francesca Trenta e Andrea De Siena, e il vento della Sicilia  con  il Ballettu siciliano ("U Ballittu") e la danza dei Bastoni della tradizione pastorale dei Monti Peloritani.    Infine il corteo devozionale dove le danzatrici hanno sfilato con le cente in testa ricche di fiori e candele in onore di Santa Rosalia, festeggiata a Palermo in luglio, un momento intenso di fede e di ritualità, arrichito dalle voci del coro in un inno alla Santa.  Fino ad arrivare al momento della poesia, con Davide Rondoni, che con parole leggere e penetranti   ci ha fatto capire come l’umanità sia fatta di danza e di ritmo. Insomma in principio ci fu la danza”. Gran finale con sciamare di danzatori in cavea, balli spontanei e grande senso di festa e gioia. Vvace  e sentita la partecipazione del pubblico che ha accompagnato tutto lo spettacolo con battito di mani e alto ritmo del cuore.

www.finisterre.it

www.auditorium.it

 

Foto Ballareviaggiando / Roberto Perilli

Video correlati (by Elio Ippolito)

http://www.ballareviaggiando.it/video/9-danze-nel-mondo/1870-pizzica-di-san-vito-qballo-santu-paulu-delle-taranteq-1-7-16.html

http://www.ballareviaggiando.it/video/9-danze-nel-mondo/1871-francesca-trenta-e-la-sua-scuola-ballo--2016.html

I protagonisti

Francesca Trenta e Ambrogio Sparagna

Orchestra Popolare Auditorium  (Erasmo Treglia, Marco Iamele, Marco Tomassi, Valentina Ferraiuolo, Clara Graziano, Raffaello Simeoni, Cristiano Califano, Ottavio Saviano)

Eleonora Bordonaro (voce)


Coro di Anna Rita Colajanni

Patrizio Trampetti

Davide Rondoni

Il Ballo di San Vito  dei Normanni (BR) con Andrea De Siena, Fabrizio Nigro, Alfio  Longo, Stefano Campagna, Gabriele Di Vita, Carlo Pisanò

Dalla Sicilia

Gruppo di danza popolare Ccuipedidifora (Josephine Giadone)

I Cantustrittu da Messina ( Nino, Antonino, Daniele e Santino Merrino)

Danzatori e danzatrici dalla scuola  I Passi della Tradizione di  Francesca Trenta, Ials Roma, Latina, Velletri, Colleferro; Terra Nemorense , Nemi;  Totemtamz,  Roma ; Nautilus, Roma;  Scarpette Rosse e Fontana Vecchia, Molise....

 

www.finisterre.it

www.auditorium.it

 
lavorincorso  .png
facebook youtube twitter
  • login

Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando








VIAGGIANDO...PARMA, CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2020
Immagine

E' Parma la Capitale Italiana della Cultura 2020, designata dalla Giuria presieduta da Stefano Baia Curioni. La vincitrice è stata annunciata oggi 16 febbraio dal ministro di beni culturali e del...
VIAGGIANDO... ALLA SCOPERTA DEI BORGHI PIU' BELLI CON TRENITALIA
Immagine

  Al via un accordo di collaborazione tra l’Associazione de I Borghi più belli d’Italia  e Trenitalia che consente di    valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente...