• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

Turismo musicale...…quando è la musica a creare il turismo….

Per gentile concessione di Turismo&Attualità Magazine pubblichiamo un servizio sul Turismo Musicale, segmento che fa capo al  turismo culturale e sale sempre più alla  ribalta. Prestigiosi  studi indicano questa  nicchia come quella dalle maggiori prospettive di crescita negli anni a venire. Viaggiare all’inseguimento delle note…da quelle classiche al  rock, dal folk  al popolare….  Gli operatori che scommettono sulla musica

di Ester Ippolito

 

Turismo Musicale: si tratta di un comparto, appartenente al  grande cappello del Turismo Culturale, che adeguatamente osservato, compreso e reso “a sistema”, come si dice,  potrebbe avere una forza autonoma e di tutto rispetto  nel traino di numeri turistici, incentivando sia  il turismo domestico che  quello internazionale. Il Regno Unito insegna, e dati alla mano, ci racconta  che  il  turismo musicale,  inteso come viaggi e spostamenti  intrapresi per assistere a festival, concerti ed eventi di danza, rappresenta una voce di bilancio importante per il paese. Secondo  uno studio realizzato per conto degli enti UK Music e VisitBritain, tale comparto  fattura  oltre 2 miliardi di sterline (dati 2012). Gran parte di questi introiti deriverebbero dall’incoming, uno stimolo in più a puntare sui mercati esteri. Secondo un altro recente studio britannico, le potenzialità espresse da questa nicchia turistica sarebbero così alte  da pensare di poter arrivare fino a 4 miliardi di sterline.

Un mondo fatto di musica….

Va da sé che  alla  primaria motivazione del concerto, evento musicale o spettacolo di danza, si  intreccia la voglia di visitare anche i luoghi che ospitano l’evento e le location legate ai miti musicali. Rimanendo in Gran Bretagna, vale citare il caso di Liverpool che incassa ogni anno sterline a volontà grazie ai fan dei Beatles che arrivano in città. Il fenomeno dei Beatles è talmente potente  da aver ispirato  una  guida  molto speciale come  “Penny Lane. Guida ai luoghi leggendari  dei Beatles a Londra e Liverpool", edizione Giunti. Il filo della musica, degli eventi e dei grandi personaggi conduce davvero lontano e poche mete ne sono esenti: la musica risuona in tutta Europa, è un filo conduttore in America,  come suggerisce  il   sito  Travelandleisure con la classifica delle 30 città musicali americane dove soddisfare   la voglia di musica senza confini ( www.travelandleisure.com/articles/americas-best-music-cities/31), fino ad  arrivare alle sorprese  del Sud America e dell’Oriente.

Italia in pole position

In pole position senza dubbio si piazza il  nostro Bel Paese che vanta un’ampia  offerta di miti musicali di alto livello (Puccini, Verdi….), luoghi egregi  legati alla musica, teatri e musei di prestigio (La Scala, Arena di Verona...), Festival ed  eventi, stagioni operistiche e concertistiche   di primaria qualità e  valore internazionale,  accanto a ricche programmazioni musicali locali  e regionali legate al popolare  di  grande interesse, ed eventi pop, vedi a Roma  il   concerto di giugno   dei Rolling Stones. In particolare il 2013 ha reso omaggio  a Giuseppe  Verdi, nel bicentenario della  sua nascita, con una stagione musicale molto ricca e   spunti per visitare i luoghi verdiani. Per tutto l’anno lo  Stivale risuona di buona musica e di festival - dal teatro de La Scala di Milano  alle Terme di Caracalla di Roma, dal Maggio  Fiorentino alla Notte della  Taranta, ai concerti delle stelle della musica popolare  e così via -  e ci sono sempre mille ragioni per muoversi alla scoperta di città e borghi, un  vaso di Pandora  infinito  che   attende  di essere trasformato  in un  prodotto mirato. In uno studio  Unioncamere del 2011, in un’analisi dei segmenti  con maggiori prospettive di  crescita,  emergeva proprio il turismo  musicale evidenziando la nicchia relativa ai “festival  ed eventi musicali” (quasi il 44% del  totale), seguita a ruota da “folklore e tradizioni popolari” (41% del  campione). Un buon esempio della consapevolezza del valore e importanza di questo segmento è inoltre l’organizzazione a Cremona, Camera di Commercio, del work-shop Turismo Musicale, richiamando mercati esteri e proponendo l’incontro tra domanda e offerta sul tema musicale.

Tour operator in musica … dal classico al folk

Sono ancora pochi  i  tour operator  che hanno colto la “nota” puntando  consapevolmente  sul   turismo musicale.   Tra questi  da una parte  c’è   Il Sipario Musicale,   musica lirica e  classica,   dall’altro Turismo Musicale, brand  di  Aretina Tours,  turismo musicale e folklorico. "La nicchia del turismo musicale -  afferma  Matteo Cuccini,  responsabile Turismo Musicale (Aretina Tours di Arezzo) -   è   destinata a crescere in modo consistente nei prossimi anni , ma   è anche la  meno esplorata e analizzata sistematicamente. E’ uno dei pochi ambiti dove l'offerta non riesca a soddisfare tutta la domanda. Dal 2012 – continua- siamo on line con il progetto “Turismo in Musica” (www.turismoinmusica.it) , un portale interamente dedicato a Festival Musicali (più o meno noti) ed Eventi Folklorici, escludendo a priori dal nostro catalogo il settore lirico e operistico.  Le nostre offerte, che spaziano dalla formula del tour organizzato a   singoli servizi in concomitanza dell'evento, coprono principalmente  grandi raduni pop-rock, street festival e world party , con un target demografico 18-35, e jazz, world music e folklore con un target demografico 35-50. Le proposte di maggior successo  il Festival di Musica Gnaoua in Marocco, il Pellegrinaggio Gitano in Camargue e i Dervisci Rotanti in Turchia”.

Il turismo musicale in Italia  è un fenomeno relativamente giovane e ancora in via di sviluppo, sia a livello di domanda che di offerta - le parole di Andrea Cortelazzi, Il Sipario Musicale.  “Essendo specializzati sul  mondo dell’opera e della musica classica, il nostro cliente medio ha da 65 anni in su, ottimo profilo culturale, big spender, fascia alta/altissima. Per lo più pensionato di alto profilo,  destagionalizzato, opta  per viaggi brevi .  Il turista   straniero viene in Italia per assistere soprattutto  a opere liriche, ma non disdegna i concerti. Vive il teatro come luogo da visitare alla stessa stregua di un museo o un monumento. Il turista  italiano ,nella scelta,  segue  più  l’artista che  l’opera, e   predilige   opere e   balletti.  Accompagniamo i nostri viaggi di punta     affiancati  talvolta  da critici musicali di fama internazionale   per creare momenti di discussione e convivialità legati all’esperienza musicale. Questo porta i clienti a essere fortemente fidelizzati e a volersi ritrovare anche tra loro per ricreare una  ‘community’."

 

Idee sparse..

Rock’n Road con I Viaggi del Delfino

Sulle strade del rock con le proposte del to I Viaggi del Delfino che propone un viaggio negli States all’insegna della musica…Si comincia  con Chicago per  respirare il Blues nei locali rinomati e  in occasione  del Festival Blues (8-10 giugno). Altra tappa imperdibile Memphis, dove la  musica pulsa dalla notte all’alba:  qui sono nati o  passati  personaggi  come Jonny Cash, Elvis Presley (sepolto), Aretha Franklin. Da qui è un must raggiungere New  Orleans in auto o in moto: atmosfera magica e musica nel sangue. Voglia di Country? La prossima destinazione è Nashville, patria della  musica country e bluegrass e un museo tutto da vedere: l’Opry Useum. E naturalmente il viaggio continua….

http://www.rocknroad.iviaggideldelfino.com

 

La Notte della Taranta, evento internazionale

Da concertone a strumento di promozione turistica. E’ quello che è diventata La Notte della Taranta, evento musicale che ogni anno a fine agosto richiama in Puglia,   Melpignano, Salento, un vero e proprio  pellegrinaggio di  appassionati, centinaia di migliaia, tra  flussi italiani e stranieri, per ascoltare e  vivere live   i ritmi salentini,la tradizionale pizzica,  le contaminazioni  mediterranee e altre  influenze musicali. Il Concertone è tra  l’altro il gran finale di altrettanti concerti che animano  per  circa dieci giorni varie  cittadine del Salento, appartenenti per lo più agli    undici comuni dell’area grecanica  salentina.  Ed è proprio dall’Unione dei Comuni della Grecia Salentina e dall’ Istituto Diego Carpitella che  nel 1998 nacque l’idea di questa grande  manifestazione, laboratorio musicale e di valorizzazione della tradizione. “Le musiche e le danze della tradizione sono divenute ormai  da anni una calamita irresistibile per i turisti che vengono qui giù da noi a  cercare esperienze e autenticità -   le parole di  Silvia  Godelli, assessore al Mediterraneo, Cultura, Turismo della Regione Puglia. Il  concertone  2014  si prepara  alla sua sedicesima edizione che si svolgerà dal 5 agosto al 23 agosto (Grecìa Salentina, Alessano, Cursi, Galatina e  Lecce).

www.lanottedellataranta.it

La Traviata in Israele

Musica e archeologia, arte e spiritualità.  Sono  questi i  punti di interesse su cui fa leva la  proposta  de Il  Sipario Musicale. Con il lungo viaggio in Israele (dal 15 al 22 giugno), il tour operator propone La  Traviata di Giuseppe  Verdi in un “teatro” da sogno:  Masada, antica fortezza erodiana risalente al  I sec. a.C., arroccata su uno sperone di roccia che si erge nel deserto del  Negev sulle rive del Mar Morto. La fortezza    sarà la cornice naturale  dell’opera  più  amata del cigno di Busseto, con la Israel Symphony Orchestra Rishon LeZion  diretta dalla magica bacchetta del maestro Daniel Oren in occasione dell'Israel  Opera Festival (17 giugno).

www.ilsipariomusicale.com

 

In Camargue per il raduno gitano

 

Canti, balli, corride, violini e chitarre accompagnano il più grande e colorato  raduno gitano d’Europa, a  Saintes Maries de la Mer (Camargue), il 24 e 25 maggio di ogni anno,  celebrando   i festeggiamenti in onore di Santa Sara, la protettrice di tutti gli zingari e i nomadi del mondo. La città, per la sua posizione strategica, è un’ottima base per esplorare la regione della Camargue, il più grande delta fluviale dell’Europa occidentale. Un ambiente selvaggio e incontaminato, comprendente vaste lagune, paludi, saline e grandi aree coltivate.  Turismo in Musica e Aretina Tours , in occasione del pellegrinaggio gitano,  offrono   pernottamenti in hotel ,voli low cost, trasferimenti, noleggio auto, escursioni e visite guidate.

www.turismoinmusica.it

------------------------------------------------------------------------------------------

www.turismo-attualita.it

http://rivista.turismo-attualita.it/2014/09/

 

 
foto02.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

4WINDS SCEGLIE L’AVVENTURA E L’ALTO PROFILO
Immagine

    Il tour operator 4Winds di Roma  taglia il traguardo dei 51 anni di attività  e si prepara al 2019 forte dei buoni risultati del 2018, “un incremento del 10%, grazie alle nostre...
TURISMOPIU'-TOUR LETTERARIO NELLA NAPOLI " GENIALE" CON CITY SIGHSEEING NAPOLI
Immagine

  Da sabato 8 dicembre e tutti i sabato alle 10.30 il City Sightseeing Napoli si trasformerà in un bibliobus e prenderà il via “Napoli città geniale” il primo tour letterario a bordo del...